spot_img
sabato, Giugno 22, 2024

Il palermitano Gabriele Minì vince il Gran Premio di Montecarlo ed è leader in Formula 3

Il palermitano Gabriele Minì, del team Prema, vince la Feature Race nel Principato di Monaco dopo un weekend perfetto ed è in testa al campionato di Formula 3.

Come un anno fa è stato proprio Minì, di Marineo in provincia di Palermo, a partire dalla pole position a MonteCarlo, con tutti i migliori della classifica proprio alle spalle. A cominciare dal leader Fornaroli (Trident). Al via c’è stata molta confusione a centro gruppo e a farne le spese è stato il pilota austriaco Wurz, sospinto fuori al Portier da Wisnicki. Minì a quel punto prende la testa, Fornaroli è quinto ed entra in pista la Safety Car. 

Di giro in giro Mansell aumenta la propria aggressività alle spalle del palermitano. Impiega nove giri Minì a trovare il giusto passo per tenere a distanza l’australiano, mentre alle sue spalle Loake sorpassa Boya e Leon duella con Van Hoepen. Minì e Mansell vanno via a Browning, terzo a 3”5. A metà gara le posizioni sembrano cristallizzate. Al quindicesimo passaggio Boya sorpassa Loake e Van Hoepen fa lo stesso su Leon. Al ventesimo giro Tsolov attacca e coinvolge Meguetounif e Leon in un incidente multiplo con la Safety Car nuovamente in pista

LEGGI ANCHE: ALL’UNIVERSITÀ DI PALERMO GLI STUDENTI INCONTRANO TOMMASO PAGANO, INGEGNERE DEL TEAM DUCATI DI MOTOGP E DEL CAMPIONE DEL MONDO PECCO BAGNAIA

Gara neutralizzata e alla ripartenza ancora tutti vicini, annullando così i vantaggi acquisiti e anche il gran lavoro svolto da Minì, che stava conducendo la corsa in solitudine e sicurezza. Si riparte al ventitreesimo giro. Cinque giri al temine e Minì sotto pressione. A metà del giro su un doppio attacco di Loake va a muro Van Hoepen. Altra Safety Car.

La safety car esce e lancia un ultimo giro di corsa. Ma Gabriele Minì (Prema) non sbaglia nulla e flag to flag realizza il suo capolavoro. Pole e vittoria a Monte-Carlo e leadership del campionato con cinque punti di vantaggio su Luke Browning (Hitech) e Leonardo Fornaroli (Trident), terzo a otto lunghezze.

Articoli correlati

spot_img