spot_img
martedì, Maggio 28, 2024

La Randazzo Srl dona quasi 9000 euro al Campus di Ematologia Cutino di Palermo

La Randazzo Srl ha consegnato anche 70 panettoni ai senzatetto ospiti della Casa di Aldo. L’amministratore della società di Carini: “Fare un regalo a chi non ha niente o a chi soffre è il miglior modo di festeggiare il Natale”.

In arrivo quattro nuove poltrone per la sala trasfusioni dei pazienti talassemici del Campus di Ematologia “Franco e Piera Cutino”, ospitato all’interno dell’Ospedale Cervello. Saranno comprate grazie alla donazione della Randazzo Srl, azienda di Carini leader nel settore della logistica fondata 30 anni fa da Giovanni Randazzo, che oggi riveste il ruolo di presidente onorario. Per Natale la società ha consegnato un assegno simbolico da 8.784 euro, la cifra esatta necessaria per l’acquisto. Alla consegna dell’assegno al Campus erano presenti anche i figli Giulio e Giovanni.

“Per la società – ha detto Salvo Randazzo, amministratore unico dell’azienda – è una giornata speciale. Essermi avvicinato al Campus mi ha dato la possibilità di verificare personalmente il meraviglioso lavoro di questa equipe. È una donazione, con un valore sociale per l’impresa, che mi arricchisce il cuore e rappresenta solo l’inizio del percorso di collaborazione che il nostro gruppo intende portare avanti anche nel 2024”.

“Questa donazione -ha affermato Aurelio Maggio, direttore del Campus di ematologia – permetterà a chi ogni 15 giorni viene da noi per effettuare le trasfusioni di avere un ambiente più confortevole. Ringrazio di cuore l’azienda. È da pochi avere questa sensibilità e solidarietà verso chi soffre per tutta la vita”.

“L’acquisto delle poltrone – continua Giuseppe Cutino, presidente della Fondazione Franco e Piera Cutino – avverrà nel 2024. Non riesco a nascondere l’emozione per l’attenzione e la sensibilità che accompagna il
Campus nato dal sogno di mio padre che era quello di migliorare la qualità di vita delle persone con talassemia e promuovere la ricerca per poter arrivare alla guarigione completa dalla malattia”.

Regalo di Natale anche per i senza fissa dimora. Dopo la consegna dell’assegno alla Fondazione Cutino, infatti, Salvo, Giulio e Giovanni Randazzo, in rappresentanza della Randazzo Srl, hanno raggiunto il
dormitorio A Casa di Aldo, una struttura in via Messina Marine che fa parte della rete delle “case” dell’istituto Don Calabria e la cui mission è dare un aiuto concreto a persone che vivono in condizioni di estrema precarietà o senza un tetto sotto cui dormire, per consegnare personalmente ai presenti 60 panettoni.

“Vedere la gioia nei loro occhi – conclude Randazzo – è stata un’esperienza molto toccante. Fare un piccolo regalo a chi non ha niente, oltre che doveroso, mi sembra il miglior modo per festeggiare il
Natale”.

Articoli correlati

spot_img