spot_img
martedì, Maggio 28, 2024

Il carciofo di Cerda protagonista al Cynara Festival

Parte a Cerda la manifestazione che celebra il carciofo dal 1982. Tante novità in programma con buon cibo, grandi vini e ospiti d’eccezione, tra musica, cooking show e innovazione. Il culmine il 25 aprile con la 42^ Sagra del Carciofo di Cerda.

Si è svolta a Palermo nella Sala Pio La Torre dell’ARS, la Conferenza stampa di presentazione del Cynara Festival e della 42esima edizione della Sagra del Carciofo di Cerda che, quest’anno si estende dal 20 al 28 aprile con un denso programma di iniziative ed incontri per celebrare la “civiltà del Carciofo”. Sono intervenuti il Sindaco e parlamentare regionale Salvatore Geraci, il Presidente della DOC Monreale Mario Di Lorenzo e Vincenzo Pernice, dirigente dell’Assessorato Regionale dell’Agricoltura della Regione Siciliana.

Il Sindaco Geraci ha aperto i lavori sottolineando “il profondo legame della comunità a questo appuntamento, nato nel 1982, e che da sempre coinvolge tutte le famiglie cerdesi. Un patrimonio di sentimenti e di entusiasmo vissuti con autentica partecipazione popolare che ha trasformato la nostra città in una piccola ma importante capitale del Carciofo e della gastronomia, richiamando ogni anno migliaia e migliaia di persone provenienti da tutta la Sicilia e da altre regioni. Cerda è una città aperta ed ospitale, si veste a festa, dando tutta se stessa”.

LEGGI ANCHE: LO STREET FOOD SICILIANO ARRIVA A LONDRA CON SICILYFEST LONDON

Tante le novità introdotte che, giorno dopo giorno, si condensano in esperienze del Gusto, ricette e cooking show per esaltare il carciofo e la cultivar identitaria: lo spinoso cerdese. Il Presidente Mario di Lorenzo ha parlato a nome delle sette cantine della DOC Monreale, schierate per il Cynara Festival, pronte ad abbinare i loro vini a piatti e proposte culinarie che possano infrangere il luogo comune del difficile rapporto tra vino e carciofo.

“L’abbiamo vissuto a tavola con il Vinitaly – ha dichiarato Mario di Lorenzo – questo insolito connubio e la sfida sembra essere vinta. Partecipiamo con grande voglia perché i territori di eccellenza e di identità dell’agricoltura siciliana devono convergere e fare squadra, lavorare insieme, proporsi insieme”.

Effettivamente a Verona gli autoctoni Catarratto e Perricone e il sicilianissimo internazionale Syrah hanno ben figurato, dialogando in armonia con pietanze che al carciofo tributavano un ruolo da protagonista assoluto. È stato il dirigente Vincenzo Pernice dell’Assessorato all’Agricoltura a cogliere il valore di questa sinergia “sul campo” tra il Carciofo di Cerda e le etichette di questa rinomata DOC del palermitano.

“Sosteniamo questo approccio – ha commentato Vincenzo Pernicetra sistemi produttivi peculiari che danno vita a nuovi modelli di interazione, economica, culturale, sociale. Il Brand Sicilia si riconferma, con queste iniziative (il Cynara Festival), garanzia di qualità nel cibo, nel vino, nell’esperienza sui territori. Questi processi che nascono dalla partecipazione dei produttori locali e dalle loro amministrazioni sono vincenti, se restano coerenti con gli obiettivi di valorizzazione delle filiere produttive e dei loro indotti”.

Il Sindaco Salvatore Geraci, ringraziando la stampa, ha concluso ricordando quanto questo territorio, tra il fiume Imera e la valle del Torto sino a lambire le Madonie, debba alla storia dell’agricoltura specializzata. “Quell’areale, allora, contava più di 1700 ettari. Bisogna dare prospettive ai nostri giovani, occorre una sostenibilità economica oltre che di modello di società. Negli anni 70 arrivò la FIAT e l’industrializzazione, lasciando macerie e 600 famiglie da decenni in cassa integrazione. Le voglio ricordare queste persone perché questo territorio deve rinascere con nuove economie e il Carciofo può generare questa rinascita anche per loro”.

A tenere a battesimo il Cynara Festival e la 42^ edizione della Sagra, una madrina che Cerda la conosce molto bene: Giusi Battaglia, giornalista, ufficio stampa e conduttrice di Giusina in cucina su Food Network, da gennaio scorso anche parte integrante del cast di È sempre Mezzogiorno su Raiuno. Il 25 aprile – il giorno clou per tradizione – sarà lei con Salvo La Rosa a promuovere il Carciofo, insieme a tanti ospiti, che su quel palco trasmetteranno il messaggio più bello, quello della pace e dell’amicizia.

Articoli correlati

spot_img