spot_img
martedì, Maggio 28, 2024

Il Bioparco di Sicilia tra i quattro giardini zoologici italiani scelti per il benessere degli scimpanzé

C’è anche il Bioparco di Sicilia tra i quattro giardini zoologici italiani scelti come membri del neonato Coordinamento ABC (Antropomorfe, Benessere e Conservazione) per il benessere degli scimpanzé.

Gli altri sono il Bioparco di Roma, Parco Natura Viva di Verona e Safari Ravenna. Il progetto mira a migliorare la qualità della vita di queste scimmie, sia a livello ambientale e comportamentale, che psicologico, nutrizionale e cognitivo.

A battezzare la nascita dell’organizzazione, in una cerimonia che si è tenuta nella Capitale, la scienziata Jane Goodall, primatologa e ambientalista nota in tutto il mondo per i suoi fondamentali studi sugli scimpanzé e che proprio al Bioparco di Roma ha festeggiato anche il suo novantesimo compleanno.

“Sono felice – ha dichiarato Jane Goodalldi venire in Italia, visti gli sforzi di alcune strutture zoologiche per migliorare le condizioni di vita degli scimpanzé e di altri animali in cattività. Le scoperte scientifiche sul campo hanno chiaramente dimostrato che una specie intelligente e versatile come lo scimpanzé, se in cattività, deve poter vivere rigorosamente in strutture innovative, che rispondano alle loro esigenze fisiologiche e comportamentali”.

L’incontro dal titolo “Benessere dei grandi primati, cambiare si può”, oltre a Jane Goodall, ha visto tra i relatori alcuni rappresentanti delle quattro strutture zoologiche italiane socie del neonato Coordinamento ABC. Tra questi anche Salvatore Ruffino, direttore scientifico del Bioparco di Sicilia, che si trova a Carini, nel Palermitano.

LEGGI ANCHE: NUOVO BANDO PER IL SUPPORTO AL COMPLETAMENTO DELLE FILIERE AGROALIMENTARI PROMOSSO DAL GAL SICANI

“La nostra esperienza con gli scimpanzé ha avuto inizio nel 2005, quando – ha raccontato – due esemplari di Pan troglodytes sono stati donati alla struttura. Originariamente cresciuti in un circo belga, queste scimmie antropomorfe hanno vissuto in contesti domestici, privi di stimoli naturali. Nonostante le loro condizioni di salute fossero ottimali, l’adattamento al nuovo ambiente è stato complesso. Il passaggio da un contesto di stretta dipendenza dall’uomo a uno che rispecchiasse meglio le loro esigenze naturali è stato graduale e delicato. Ospitare questi affascinanti primati – aggiunge il direttore scientifico del Bioparco
siciliano – ci ha permesso di contribuire attivamente alla ricerca scientifica, collaborando con università in tutta Europa e soprattutto in Sicilia. Grazie a questa collaborazione, abbiamo raccolto e condiviso una vasta gamma di dati nel corso degli anni, contribuendo significativamente alla comprensione e al monitoraggio della salute e del benessere degli scimpanzé”.

Ruffino, ha anche aggiunto che “incontrare l’iconica Jane Goodall è stato un momento indimenticabile. La sua visione e il suo impegno hanno ispirato il nostro lavoro per garantire il benessere degli scimpanzé e la conservazione della biodiversità. ‘My mission is to create a world where we can live in harmony with nature’. La ringraziamo per essere un faro di speranza per le future generazioni”.

Per promuovere la conservazione di questa specie e sensibilizzare il pubblico, il Bioparco di Sicilia inoltre sostiene attivamente in Sierra Leone il progetto educativo “Roots&Shoots”, in collaborazione con i Tacugama Chimpanzee Sanctuary, che mira a coinvolgere attivamente le comunità locali nella protezione degli scimpanzé e del loro habitat naturale.

“La nostra esperienza con gli scimpanzé al Bioparco di Sicilia -conclude Ruffino – non è solo un’opportunità per i visitatori di osservare da vicino queste incredibili
creature, ma anche un impegno tangibile per la ricerca, l’educazione e la conservazione della biodiversità”.

Articoli correlati

spot_img